Circolari FE Pubblicate

La guida per operare con l’estero

21/10/2020
Con CM n. 145/E/1998, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che l’esclusione dall’utilizzo del plafond normativamente prevista per l’acquisto di fabbricati, opera anche nelle ipotesi in cui il fabbricato sia realizzato in proprio o mediante contratto d'appalto, oppure sia utilizzato in forza di un contratto di locazione finanziaria, giacché tali modalità di acquisizione dell’immobile realizzano un effetto equivalente all’acquisto con passaggio di proprietà. Ancorché il restrittivo orientamento assunto dall’Amministrazione finanziaria sia stato a più riprese censurato dalla giurisprudenza di legittimità, con la recente Risposta n. 304/E/2020, l’Agenzia delle Entrate ha confermato il divieto di spendere il plafond per l’utilizzo in godimento di un immobile in dipendenza di un contratto di leasing.
07/10/2020
Dallo scorso 1.10.2020 è possibile adottare il nuovo tracciato della fatturazione elettronica, il cui utilizzo diverrà obbligatorio dal 1.1.2021. Le nuove specifiche tecniche prevedono un maggior dettaglio delle codifiche da indicare per le operazioni effettuate verso soggetti non residenti e semplificano grandemente le modalità di integrazione elettronica dei documenti ricevuti da fornitori esteri per le operazioni soggette al reverse charge esterno.
23/09/2020
Con Provvedimento n. 265336/2020, l’Agenzia delle Entrate ha definito i termini, i requisiti e la documentazione da esibire per la presentazione delle istanze di immatricolazione di autoveicoli e motoveicoli di provenienza comunitaria, al fine di contrastare l’improprio utilizzo delle deroghe al sistema di versamento anticipato dell’IVA previsto per i veicoli acquistati nel regime del margine e per quelli utilizzati come beni strumentali all’attività d’impresa.
09/09/2020
Gli scambi intracomunitari di beni impongono il rispetto di una serie di specifici adempimenti IVA, da effettuare entro determinate tempistiche. Esaminiamo di seguito le procedure da osservare, avendo riguardo al momento di effettuazione delle operazioni, nonché ai connessi termini per l’emissione e l’annotazione delle fatture di cessione e per l’integrazione delle fatture di acquisto e la loro registrazione.
29/07/2020
Gli effetti delle note di variazione sull’entità del plafond disponibile differiscono sulla base della tipologia di variazione apportata all’operazione originaria. Le note di debito incrementano il plafond disponibile nell’anno di registrazione della fattura relativa all’operazione originaria, e non quello in cui è stato annotato il documento che modifica la stessa ai sensi dell’art. 26, DPR 633/1972. Le note di credito emesse in periodi successivi a quello dell’operazione originaria, invece, non influiscono sul plafond disponibile in tale annualità.
15/07/2020
Per effetto delle modifiche apportate dalla Direttiva 2018/1910/UE all’art. 138, par. 1, Direttiva 2006/112/CE, dal 1.1.2020 il possesso di un codice identificativo IVA (e la conseguente iscrizione dello stesso nell’archivio VIES) è divenuta una condizione sostanziale per l’applicazione del regime di non imponibilità IVA riconosciuto agli scambi intracomunitari. Esaminiamo di seguito i chiarimenti resi dall’Agenzia delle Entrate e dal Comitato IVA sui nuovi requisiti sostanziali delle operazioni intracomunitarie.
03/07/2020
Al fine di semplificare gli adempimenti in capo ai soggetti passivi che rendono soltanto occasionalmente servizi elettronici e TTE nei confronti di soggetti privati stabiliti in altri Paesi membri (ordinariamente soggetti a imposta nel Paese del committente privato), il D. Lgs. 45/2020 ha previsto la possibilità di applicare l’IVA a tali operazioni, pur entro la soglia annua di € 10.000.
17/06/2020
Per le imprese che operano prevalentemente con l’estero, la possibilità di utilizzare in compensazione o chiedere a rimborso il credito IVA maturato nei singoli trimestri dell’anno assume particolare rilievo. Con Provvedimento 26.3.2020, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modello IVA TR, ossia l’istanza da presentare per poter utilizzare in compensazione o chiedere a rimborso il credito IVA maturato nei primi tre trimestri dell’anno. Esaminiamo di seguito, con particolare riferimento alle imprese che operano con l’estero, le modalità di compilazione del nuovo modello IVA TR.
03/06/2020
La disciplina IVA unionale non considera cessioni intracomunitarie assimilate gli spostamenti da un Paese membro all’altro di beni da sottoporre a lavorazioni o perizie, purché gli stessi, al termine di tali operazioni, siano rispediti al committente nello Stato membro di partenza. In caso contrario si configura una cessione intracomunitaria assimilata e un corrispondente acquisto intracomunitario assimilato nel Paese delle lavorazioni, con il conseguente obbligo del committente italiano di procedere all'identificazione diretta o alla nomina di un rappresentante fiscale nell’altro Stato membro. Esaminiamo di seguito gli aspetti operativi della questione.
20/05/2020
Con CM n. 12/E/2020, l’Agenzia delle Entrate ha reso le prime indicazioni sui nuovi mezzi di prova introdotti dalla disciplina comunitaria per dimostrare l’avvenuto trasporto dei beni nel Paese membro di destinazione e, quindi, beneficiare del regime di non imponibilità IVA proprio delle cessioni intracomunitarie. Nel documento di prassi, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che tali elementi probatori trovano applicazione anche per le operazioni realizzate prima dell’entrata in vigore del regolamento comunitario, ossia prima del 1.1.2020. Inoltre, qualora il fornitore nazionale non disponga dei mezzi di prova indicati dal regolamento comunitario, può sempre ricorrere alla documentazione probatoria prevista dalla prassi nazionale.